MEDIA-LETTERATURA

Poetiche e pratiche della comunicazione pubblica in lingua francese (secc. XV-XVI)

FR  ENG  DE

Il progetto studia la costituzione della cultura mediatica nelle società francofone nel vivo di un periodo di grandi stravolgimenti: dalla nascita della stampa, ai confitti della Riforma. Il suo obiettivo è dimostrare in che modo l’ideale colto di oratore, precursore dell’intellettuale impegnato, si è popolarizzato presso ambienti diversificati; secondo quali modalità e in quale misura personalità secondarie e lettori ordinari si sono concretamente appropriati di tali strumenti dell’arte letteraria per agire all’interno dello spazio pubblico e influenzarne l’opinione. Messe in campo da attori di minore erudizione e visibilità rispetto ai grandi scrittori del tempo, queste forme di media-letteratura sono al giorno d’oggi trascurate dalla ricerca di ambito umanistico, laddove esse rivelano, a ben vedere, la profondità archeologica delle nostre società super-mediatizzate.

Per scandagliarle, il progetto condurrà il primo studio comparato e integrale di tre forme d’espressione in grande uso tra 1450 e 1550, capaci di articolare la pratica versificatoria e la riflessione sulla comunicazione pubblica: storiografia, poesia di circostanza e teatro d’argomento politico. L’inchiesta sarà condotta a partire da opere e archivi inediti, provenienti in particolare modo di Francia e dagli attuali Svizzera e Belgio francofoni. Riabilitando questo patrimonio poco noto, il progetto mira ad individuare un nuovo ambito di ricerca, al crocevia della storiografia letteraria e della storia delle pratiche culturali e mediatiche.

Frammento di fresco “Dame Rhétorique et ses douze suivantes” secondo Georges Chastelain, Lausanne, Château Saint-Maire, ca 1500 © Photo : Bertin & Gindroz